Il patrimonio archivistico

ARCHIVIO STORICO OTO MELARA (LA SPEZIA)

L’Archivio Storico è costituito da diversi fondi documentali: Documenti, Fotografie, Audiovisivi, Disegni Tecnici, Manufatti e Prodotti e da una piccola Biblioteca specializzata e tratta di un patrimonio documentale prodotto dall’azienda dal 1902, testimonianza della storia dell’impresa e della sua evoluzione tecnologica e organizzativa.

Documenti

Questa sezione, che raccoglie la parte amministrativa, contabile e societaria dei materiali storici aziendali, è stata oggetto di intervento di archiviazione con la stesura di un inventario cartaceo Archivio Oto Melara 1902-1972. Nell’inventario sono state schedate 6185 unità archivistiche suddivise in 6 sezioni composte da relative serie.

Fototeca

Il patrimonio fotografico, raccolto in questa sezione, ancora in fase di catalogazione, rappresenta la testimonianza più immediata e accessibile della storia dell’azienda. Quantitativamente ammonta a circa 5000 pezzi tra lastre in vetro, pellicole negative, stampe positive, diapositive, album editoriali, che nel loro insieme illustrano ampiamente l’attività industriale dell’azienda e le trasformazioni che sono avvenute dalla fondazione fino agli anni 1980 circa. Le fotografie riguardano ambiti tematici specifici suddivisibili in: stabilimenti, prodotti, applicazioni tecniche e posa in opera di materiali, attività aziendali e sociali.

Audiovisivi

 La sezione della cineteca comprende filmati istituzionali e commerciali databili dal 1960 al 1980, per un totale di circa 1200 pezzi. La sezione è costituita da materiali in originale o in repertorio secondo la seguente tipologia: pellicole 16–35 mm, VHS, u-matic, betacam, colonne 16 mm magnetic e colonne sonore. I filmati, prodotti sia per la comunicazione esterna sia alla comunicazione interna documentano: cerimonie d’inaugurazione, funzionamento di nuovi impianti, processi produttivi, prodotti e applicazioni tecniche, prove dei mezzi, grandi opere e attività sociali. La parte relativa alla produzione tra gli anni 1920 e 1950 è rintracciabile solo in qualche spezzone di film report.

Disegni Tecnici Industriali

 La sezione è costituita dai disegni tecnici in originale manoscritti o in copia reprografica redatti su diverse tipologie di supporti, quali carta, lucido di pergamino o acetato. Si tratta di disegni progettuali tecnici originali autografi oppure disegni progettuali tecnici in copia lucida o cianografia dell’originale autografo. Il materiale è conservato in cassettiere, rotoli oppure si trova allegato alle pratiche nei faldoni e nelle cartelle. I documenti sono divisi secondo la sigla di commessa, corrispondente all’attività progettuale e costruttiva del mezzo o del manufatto; la segnatura originaria è apposta sotto forma di legenda e riporta tutte le note tecniche di compilazione: numero del progetto, variazioni, numero del disegno, commessa e nome della Ragione Sociale produttrice del mezzo in costruzione. Allo stato attuale il materiale è in attesa di inventariazione e si trova collocato in cassettiere originali e in armadi. I dati quantitativi sono così stimabili: 10 cassettiere porta disegni contenenti circa 7.000 disegni in lucido; 2 armadi porta disegni per l’archiviazione in verticale contenenti disegni in originale per un totale di 2.500 pezzi;15 cassettiere porta documenti con cartelline sospese con disegni e specifiche tecniche per un totale di circa 50.000 fra carte e disegni in cianografia; 11 scatoloni di disegni in rulli per 4.000 disegni circa.

Nell’Archivio di Deposito è presente inoltre materiale privo di archiviazione, attualmente sedimentato in scatoloni di cui si forniscono i dati quantitativi: 86 scatoloni contenenti faldoni e documenti raccolti in fascicoli; 5 scatole di documenti alla rinfusa; 5 scatole di faldoni contenenti probabilmente 150.000 carte e materiale vario come brossure, disegni, pratiche collaudi e specifiche tecniche di costruzione. Il totale della documentazione ammonta a circa 90 metri lineari così ripartiti: 151 faldoni da 12x25x35 cm pari circa 20 metri lineari; 550 Faldoni da 12x25x35 cm carte e materiale vario pari a circa 70 metri lineari. 

Prodotti e Manufatti

Tra i materiali d’archivio sono conservati cimeli, mezzi militari e modelli in scala e altri oggetti; una raccolta di mezzi e testimonianze materiali della civiltà industriale e della produzione bellica. In particolare si segnalano: Obice da 149/19; Obice da 75/18; Obice da 210/22; Semovente 75/18 su scafo M 42; Cannone navale da 75/27 mod. 11; Cannone scudato 147; Cannone navale 152/50; Cannone navale 76/62 MMI; Cannone 100/47. L’Associazione Museo della Melara, pur non avendo una struttura museale istituzionale, è riuscita attraverso l’attività di restauro a garantirne la conservazione e la fruizione. Accanto a questi materiali sono presenti, inoltre, esemplari di modellini, che riproducono in scala alcuni prototipi e prodotti di maggior successo realizzati dalla OTO Melara, esposti all’interno dei locali della Direzione. In particolare si segnalano la quadrinata SIDAM e l’OTOMATIC (torre da 76/62 su scafo Palmaria), il carro C 15 (torre binata da 35 mm Oto-Oerlikon su scafo Palmaria) degli anni’80, oppure il cannone navale 76/62 e quello 127/54 C degli anni’70.

Libri e Brochure

La collezione della Biblioteca, se pur modesta come quantità, è costituita da volumi, periodici e documenti su qualunque supporto afferenti la specificità tecnica per la quale a suo tempo è stata creata. Il patrimonio documentario, non ancora inventariato, include: pubblicazioni periodiche, testi del XX secolo, manuali di specifiche tecniche, manuali d’uso e manutenzione, brochure, annuari, guide, mastrini e pubblicazioni edite dalle varie Ragioni Sociali per fini interni ed esterni. Tra le brochure sono conservati documenti forniti dalla manualistica sui prodotti e pubblicazioni per la comunicazione esterna, che vanno dai libretti di istruzioni alla pubblicistica e presentazione dei mezzi, alle pubblicazioni per la comunicazione istituzionale o di prodotto delle imprese.

 

ARCHIVIO STORICO OTO MELARA – BREDA MECCANICA BRESCIANA (BRESCIA)

Il 23 maggio 2012 è stato sottoposto a notifica il materiale archivistico conservato presso la sede OTO Melara di Brescia: Archivio Storico Breda Meccanica Bresciana. L’Archivio Storico di Brescia è testimonianza sia della storia dell’evoluzione tecnica dell’armamento leggero italiano, mediante fotografie, disegni, cataloghi e manuali d’uso, sia della storia dell’insediamento produttivo bresciano. L’Archivio conserva diversi fondi documentali attualmente ancora non soggetti ad interventi di riordino e inventariazione.

Disegni tecnici

Sono conservati: n.240 rotoli, 200 metri lineari tra disegni e documentazione tecnica inerenti la produzione e la costruzione dello stabilimento, n.13 scatolini contenti disegni; 30 metri lineari di documentazione tecnica proveniente dalla sede di Roma (oggi non più operativa).

Archivio fucili Breda Meccanica Bresciana

La sezione conserva la documentazione inerente la produzione e il commercio dei fucili. Comprende registri matricola dei fucili, registri di carico e scarico, registri della Questura, documentazione contabile per un totale di 108 metri lineari più n.8 cassette metalliche. Sono conservati inoltre gli anni 1955-1967 della rivista il “Notiziario Breda” edita dalla Breda meccanica Bresciana.

Biblioteca

Nella sezione sono conservate numerose pubblicazioni tecniche, brochure, manualista e specifiche tecniche relative alle armi di produzione Breda.

Fotografie

Sono conservate fotografie storiche, tra negativi in vetro e stampe positive, per un totale di circa 10 mila pezzi datate dal 1924, anno di costruzione dello stabilimento al 1960 Le immagini sono state selezionate dal personale interno secondo aree tipologiche d’interesse ed è stato creato un sintetico elenco cartaceo. Parte del materiale è stato digitalizzato.

Armi

Presso lo stabilimento è allestita una piccola sezione museale che conserva armi storiche di produzione Breda datate dal 1928 al 1959, di cui si fornisce un sintetico elenco: Breda cal. 13,2 mm mod. 3; Breda cal. 20 mm mod. 41 AV; Breda cal. 20 mm mod. 35; Breda cal. 20 mm AV mod 59 n° 8; Breda cal. 20 mm AV mod. 38; Breda cal. 12,7 mm; Breda cal. 6,5 mm mod. 28; Breda cal. 8 mm mod. 38 tipo CA; Breda cal. 6,5 mm Mod. 30 sezionata; Breda cal. 8 mm mod. 37 sezionata; Breda Prototipo fucile d’assalto cal. 5,56 mm;Breda Bomba a mano; Breda cal. 6,5 mm mod. 30; Breda cal. 7,62 mm mod. 59; Breda cal. 8 mm Mod. 38 per Carri Armati; Breda cal. 7,7 mm mod. SAFAT; Breda cal. 8 mm mod 38.