Il 100/47 O.T.O. mod. 38 costituì la principale artiglieria di superficie della classe “Caracciolo”; dei due sommergibili oceanici della classe “Glauco”; degli undici battelli classe “Marcello” (costruiti nei cantieri di Monfalcone e di La Spezia, in grado di operare sia nel Mediterraneo sia in Atlantico, in missioni particolarmente difficoltose); delle sei unità della classe “Marconi”, che videro ulteriormente aggiornate le caratteristiche dei sommergibili “Marcello” e che furono i migliori battelli subacquei italiane di grande crociera.

Il 100/47 O.T.O. mod. 38 fu realizzato in molti esemplari ed in vari modelli sempre più perfezionati e rappresentò l’armamento di superficie di quasi tutte le unità subacquee italiane entrate in servizio dal 1932 al 1943.